Friday, May 3, 2013

Colesterolo e problemi cardiaci (V)


Bacche che fanno bene al cuore

I mirtilli blu sono composti chimici simili a quelli del mirtillo nero più medicinale. Possono avere anche benefici simili per il cuore, così avete una buona scusa per includere queste bacche deliziose nella dieta.

La crosta della torta che spesso li accompagna, tuttavia, non fa parte di una dieta salutare per il cuore! Provate a mangiare queste bacche con latte ghiacciato a basso contenuto di grassi o aggiungendoli allo yogurt magro senza zucchero, con un goccio di sciroppo d'acero. Oppure aggiungeteli alla farina d'avena, fiocchi di crusca o un cereale simile ricco di fibre.

In conclusione, una vita sana e felice aiuta a prevenire le malattie cardiache. È importante quindi utilizzare prodotti naturali, mangiare alimenti sani ed evitare situazioni di stress per vivere meglio.

Labels: ,

Colesterolo e problemi cardiaci (V)

0 Comments

Wednesday, May 1, 2013

Colesterolo e problemi cardiaci (IV)


Vitamine per la salute del cuore

La dieta è fondamentale per un cuore sano, ma l'integrazione è il miglior tipo di protezione, soprattutto perché il passaggio a cibi più sani è di solito un lungo processo per la maggior parte delle persone.

Ecco alcuni integratori che potete esaminare se avete una malattia cardiaca o siete a rischio:

L-carnitina. Questo composto è coinvolto nel metabolismo energetico a livello cellulare. Aumenta l'efficienza del muscolo cardiaco, riduce il metabolismo del colesterolo e impedisce la formazione della placche. Posologia tipica: da 500 a 1500 milligrammi al giorno.

Coenzima Q10. Questa vitamina, come gli antiossidanti aiuta le cellule a produrre energia e migliora i livelli di colesterolo. Riduce la frequenza di angina e migliora la tolleranza all'esercizio fisico. Posologia tipica: 100-150 milligrammi al giorno.

Niacina. Questa vitamina B abbassa il colesterolo ma le dosi tendono ad essere limitate per le vampate spiacevoli che può provocare. Rilascio prolungato o lunga durata d'azione di niacina provocano meno vampate di calore, ma possono danneggiare il fegato. Un'alternativa appropriata è un precursore della niacina chiamato hexaniacinate inositolo, che non provoca vampate di calore anche a dosi elevate. È persino meglio, poiché è innocuo per gli effetti collaterali segnalati. Posologia tipica: da 50 a 100 milligrammi per tre volte al giorno.

Vitamina E. Ci sono molti tipi di vitamina E. La forma tocotrienolo può essere particolarmente utile nel ridurre il colesterolo. Inibisce effettivamente la sua produzione, una caratteristica che rende questa forma una buona scelta per le persone i cui corpi producono quantità anormali di colesterolo LDL, malgrado i cambiamenti nella dieta. Posologia tipica: da 25 a 100 milligrammi al giorno.

Vitamina B6. La carenza di questa fondamentale vitamina B sembra essere una delle principali cause di malattie cardiache. Può essere presa come parte di un multivitaminico di buona qualità o di una combinazione del complesso B. Posologia tipica: da 25 a 50 milligrammi al giorno di B6.

* Magnesio. Molti studi collegano la carenza di magnesio alla cardiopatia, morte cardiaca improvvisa, attacchi cardiaci, e ritmi cardiaci irregolari pericolosi. Questo minerale può aiutare a diminuire la formazione delle placche, abbassare il colesterolo totale, aumentare il colesterolo "buono" HDL e inibire l'aggregazione delle piastrine. Posologia tipica: da 500 a1000 milligrammi al giorno. Attenzione: In caso di dierrea, ridurre la dose.

Bromelina. Realizzata da enzimi proteolitici che si trovano nell’ananas, questo supplemento ha effetti anti-infiammatori e inibisce l'accumulo delle piastrine. Studi clinici dimostrano che rimuove le placche e riduce l’angina. Posologia tipica: da 250 a 500 milligrammi per tre volte al giorno a stomaco vuoto. Attenzione: in alcuni casi, la bromelina provoca disordini di stomaco.

Labels: ,

Colesterolo e problemi cardiaci (IV)

0 Comments

Monday, April 29, 2013

Colesterolo e problemi cardiaci (III)

Non auto-trattate la cardiopatia

La cardiopatia è una malattia molto grave e potenzialmente letale. Dovete continuare a consultare il vostro medico di famiglia o cardiologo su base regolare. Se state assumendo farmaci per la cardiopatia, dovreste parlare con il medico e possibilmente con un erborista esperto per costruire un programma individualizzato, in quanto molte erbe interagiscono con i farmaci per il cuore. Mai smettere di prendere i farmaci prescritti senza consultare il medico.

Prime cose da fare

Anche se i farmaci convenzionali e i rimedi erboristici possono contribuire a guarire la cardiopatia, il miglior trattamento è la prevenzione: in altre parole, l'esercizio fisico e una buona dieta. Se avete la cardiopatia, impegnandovi con un programma di esercizio fisico e una buona dieta aiuterete a determinare la possibilità di guarire. Parlate con il vostro medico o un altro professionista per fare questi cambiamenti importanti dello stile di vita in modo sicuro.
Per prevenire cardiopatie future, ecco cosa dovete fare:

Quali dovrebbero essere i livelli di colesterolo? Agenzie e ricercatori stanno revisionando continuamente le loro linee guida. Verificare con il medico quelle più attuali.

Alzatevi e sudate. L'esercizio fisico regolare aiuta ad abbassare il colesterolo e rafforza il cuore. Qualsiasi tipo di esercizio aerobico andrà bene ma non esercitatevi fino al punto dell’angina (dolore al petto) o fino all’esaurimento: questo può danneggiare il cuore. Se al momento siete sedentari, iniziate lentamente, aumentando gradualmente distanza e andatura. Camminare è un esercizio eccellente per questo scopo.
Non fumate e se lo fate, smettete. Anche se siete da sempre fumatori, non è mai troppo tardi per rendersi conto quanto sia benefico per la salute di smettere.
Aprite il vostro cuore. Questo organo vitale non è soltanto una macchina che pompa sangue: la metafora del cuore spezzato non è sciocca. Molti studi scientifici hanno realizzato che stress, solitudine e isolamento sono coinvolti nello sviluppo di malattie cardiache. Se siete isolati, entrate in contatto con gli altri attraverso la vostra chiesa, attività di volontariato, corsi o altri hobby. Se siete stressati, vari farmaci e tecniche di rilassamento possono contribuire ad attenuare gli effetti dello stress sul corpo.

Mangiate meglio. Diete occidentali, con elevate quantità di grasso animale e basso contenuto di fibre vegetali, sono fattori che predispongono allo sviluppo della cardiopatia. Sono disponibili molti buoni libri e corsi sulle diete salutari per il cuore.

Labels: ,

Colesterolo e problemi cardiaci (III)

0 Comments

Saturday, April 27, 2013

Rimedi naturali per i problemi cardiaci legati al colesterolo (II)

Erba medica (Medicago sativa)

Le foglie di questa pianta diminuiscono i livello di colesterolo e riducono placche che sono già presenti. Spesso disponibile in polvere, deve essere presa secondo le indicazioni presenti sulla confezione. Posologia tipica: fino a otto o nove capsule da 400-500 milligrammi al giorno o 15-30 gocce di tintura quattro volte al giorno

Mirtillo (Vaccinium myrtillus)

Con una meritata reputazione nel trattamento di malattie degli occhi, il mirtillo garantisce potenziali benefici significativi anche per le malattie cardiovascolari. È ricco di antocianosidi: essi aiutano a prevenire i danni all’interno dei vasi sanguigni che portano al restringimento per iniziare. Il mirtillo inibisce l'arteriosclerosi, protegge il cuore durante gli sforzi fisici, diminuisce l'infiammazione e rafforza le pareti delle arterie: tutto questo significa che il mirtillo fa per i vasi sanguigni ciò che gli spinaci hanno fatto per Braccio di Ferro ma più lentamente. Posologia tipica: da 80 a 160 milligrammi  in capsule standardizzate al 25 per cento di antocianide al giorno.

Achillea (Alchillea millefolium)

L’achillea dilata le arterie e aiuta a ridurre il colesterolo. È considerata un tonico dei vasi sanguigni poiché migliora la salute delle arterie in generale. Posologia tipica: 1-3 tazze di tè due o tre volte al giorno (versare 1 cucchiaino dell’erba essiccata in 1 tazza di acqua per 10-15 minuti) o 1/8-1/2 cucchiaino di tintura due o tre volte al giorno. Attenzione: non usare in gravidanza.

Cardiaca (Leonurus cardiaca)

Altro  tonico tradizionale per il cuore, la cardiaca è nota perché abbassa il colesterolo, riduce l'accumulo di piastrine e rafforza il cuore in generale. Rallenta anche una frequenza cardiaca troppo rapida, soprattutto quando è presente l’ansia, in quanto rilassa il sistema nervoso in generale. Posologia tipica: 1 tazza di tè due o tre volte al giorno (versare ½-1 cucchiaino di quest’erba in 1 tazza di acqua calda per 10-15 minuti) o ¼-1 cucchiaino di tintura due o tre volte al giorno.

Ginseng siberiano (Eleutherococcus senticosus)

Quest’erba agisce sulle ghiandole surrenali, le ghiandole principale che gestiscono lo stress nel corpo. Tende a correggere i processi che provocano la malattia nel corpo. Nelle persone affette da cardiopatia, sembra abbassare il colesterolo e ridurre la pressione sanguigna. È particolarmente indicata quando lo stress cronico è parte del quadro. Posologia tipica: fino a nove capsule al giorno da 400-500 milligrammi o 20 gocce di tintura fino a due o tre volte al giorno. Attenzione: in dosi elevate, il ginseng siberiano può causare insonnia, irritabilità o ansia. Se questi sintomi si verificano, ridurre il dosaggio.

Labels: ,

Rimedi naturali per i problemi cardiaci legati al colesterolo (II)

0 Comments

Thursday, April 25, 2013

Rimedi naturali per i problemi cardiaci legati al colesterolo (I)

Aglio (Allium sativum) e cipolla (Allium cepa)

Entrambe queste erbe aromatiche e deliziose contengono sostanze che evitano che le piastrine si attacchino, diminuiscono il colesterolo totale e i trigliceridi (un tipo di grasso presente nel sangue) e aumentano il colesterolo buono HDL.L’aglio incentiva anche la rottura di certi tipi di coaguli sanguigni e abbassa la pressione del sangue. Se vi piacciono questi alimenti fragranti e volete includerli nella dieta invece di prendere un integratore, mangiate almeno uno spicchio di aglio o mezza cipolla piccola al giorno. Posologia tipica: capsule che forniscono almeno 10 milligrammi di allicina al giorno (sulle capsule d’aglio dovrebbe essere specificato quanta allicina contengono e la dose che deve essere assunta quotidianamente). 
 
Attenzione: alcune persone non riescono a digerire l’aglio o le cipolle; le conseguenze sono: indisposizione di stomaco, gonfiore e gas. Se subite uno di questi effetti in forma moderata, provate il seguente trucco culinario: aggiungete molto prezzemolo fresco a un piatto fatto con aglio o cipolle.

Ginkgo (Ginkgo biloba)

Molte ricerche scientifiche hanno confermato il valore tradizionale del ginkgo nel trattamento della cardiopatia. È antiossidante, accresce l’efficienza cardiaca, aumenta l’apporto di sangue verso le estremità e ha un effetto tonico sui vasi sanguigni, migliorando gradualmente le loro condizioni. Evita anche che le piastrine si attacchino. Il ginkgo può essere particolarmente utile nel caso in cui l’arteriosclerosi influisca sulle funzioni celebrali o sulle arterie nelle braccia e nelle gambe. È comune per le persone con una malattia delle arterie  coronarie avere placche nelle arterie di tutto il corpo. Posologia tipica: da 40 a 80 milligrammi di capsule standardizzate al 24 percento di eterosidi tre volte al giorno. 
 
Attenzione: sono stati riscontrati rari casi di disturbi gastrointestinali, mal di testa e vertigini da persone che usano il ginkgo.

Biancospino (Crataegus spp.)

Adesso sappiamo che le foglie, i fiori e le bacche di biancospino dilatano le arterie coronarie, aumentando così l’apporto di sangue al cuore. Il biancospino ha anche effetti benefici sulla salute del cuore in altri modi. Ne migliora le condizioni, inclusi ossigenazione e produzione di energia. Diminuisce anche l’acido lattico, le scorie degli sforzi fisici che causano dolori muscolari. Il biancospino rafforza anche le pareti delle arterie. È antiossidante, antinfiammatorio e riduce il colesterolo. Posologia tipica: una tazza di té tre volte al giorno (far bollire lentamente un cucchiaino di bacche essicate o versare un cucchiaino di foglie in una tazza di acqua calda 10-15 minuti), ½-1 cucchiaino di tintura tre volte al giorno o da 100 a 250 milligrammi in capsule standardizzate al 20 percento di proantocianidine tre volte al giorno.

Zenzero (zingiber officinale)

Quest’erba aromatica riduce il colesterolo ed evita che le piastrine si accumulino diminuendo l’assorbimento del colesterolo alimentare e stimolando, tra i modi principali in cui il corpo rimuove il colesterolo in eccesso,  la sua escrezione in bile. Lo zenzero agisce meglio se mangiato fresco e preso a stomaco vuoto. Posologia tipica: fino a 0,635 cm di una fetta di una radice di misura media al giorno o 250 milligrammi al giorno di radice liofilizzata in capsule. 
 
Attenzione: lo zenzero può causare disturbi di stomaco in alcune persone, specialmente in dosi più elevate.
 

Labels: ,

Rimedi naturali per i problemi cardiaci legati al colesterolo (I)

0 Comments

Tuesday, April 23, 2013

Colesterolo e problemi cardiaci (II)


Basato su ciò che è conosciuto sulla cardiopatia, il trattamento dovrebbe focalizzarsi sul:

<> Diminuire il colesterolo totale e l’LDL aumentando l’HDL
<> Prevenire e  curare i danni alle arterie che portano all’accumulazione delle placche
<> Prevenire l’aggregazione delle piastrine
<> Dilatare le arterie coronarie
<> Rafforzare il muscolo cardiaco in generale, specialmente aumentando la sua efficienza nell’uso dell’energia e dell’ossigeno

Se avete precedenti di cardiopatia in famiglia o il colesterolo alto, non è mai troppo presto per iniziare strategie di prevenzione. È bene iniziare (adesso, non domani!) una dieta alimentare salutare per il cuore, smettere di fumare e fare ogni giorno attività fisica.

Il trattamento medicinale per la cardiopatia è complesso e dipende da vari fattori. Essi comprendono, se  presenti, pressione del sangue alta, irregolarità nel ritmo cardiaco o insufficienza cardiaca congestizia, e altri disturbi presenti, come ad esempio asma. Molti pazienza necessitano di più di un medicinale.

Le erbe efficaci sul sistema circolatorio del cuore impiegano tempo, da settimane a mesi, per svolgere il loro compito. Siate pazienti. Molto importante: la cardiopatia non è da prendere alla leggera. Consultate il medico per qualsiasi sintomo concernente la cardiopatia e siate del tutto onesti con lui o lei riguardo alle erbe che avete intenzione di prendere. Non cambiate il vostro regime consigliato nella ricetta e non prendete altri medicinali farmaceutici senza la supervisione del medico.

Labels: ,

Colesterolo e problemi cardiaci (II)

0 Comments

Sunday, April 21, 2013

Colesterolo e problemi cardiaci (I)

Il colesterolo è legato alle malattie cardiache? I problemi cardiaci dovuti al colesterolo sono oramai risaputi, alti livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue possono portare molto facilmente a problemi di cuore, si stima che la causa di circa un terzo delle morti negli Stati Uniti e le statistiche sono così come per la maggior parte dell’Europa occidentale (tematica particolarmente sentita anche in Italia). Ma ciò non significa che abbiamo compreso a fondo questa grave malattia conosciuta come cardiopatia. Così ecco una breve panoramica della terminologia usata per descrivere le cose che possono andare male nel cuore umano.

L’arteriosclerosi è una condizione nella quale depositi di grasso chiamati placche si accumulano nelle arterie, i vasi sanguigni che portano il sangue ossigenato ai tessuti del corpo. Pensate alle placche come a della ghiaia biologica.

Come si ammassano in gruppi e aderiscono all’interno delle arterie, restringono il diametro dei vasi sanguigni fino al punto che l’apporto di sangue diventa inadeguato e i tessuti vengono danneggiati.

Le placche possono attaccarsi alle pareti di qualsiasi arteria.

Quando si sviluppano nelle arterie coronarie, che portano l’ossigeno al cuore, si ha la cardiopatia. I sintomi della malattia comprendono angina (o dolore al petto), ridotta tolleranza agli sforzi fisici, debolezza, vertigini, stanchezza ed eventualmente attacchi cardiaci. Ma quando questi sintomi si manifestano, la cardiopatia di solito è già in uno stadio avanzato.

L’arteriosclerosi è un processo complesso. Inizia nell’infanzia e progredisce con l’età. Un’elevata concentrazione di colesterolo è un fattore importante che contribuisce ma la storia non finisce qui. Esistono due tipi principali di colesterolo nel flusso sanguigno: LDL (a bassa densità di lipoproteine, il colesterolo “cattivo”) e HDL (ad alta densità di lipoproteine, o il “buono”). Il “cattivo” LDL tende ad accumularsi nelle aree delle arterie danneggiate, mentre il “buono” HDL tende a fornire protezione contro questo processo.

Anche le piastrine giocano un ruolo fondamentale nella cardiopatia. Quando si uniscono o si raggruppano, rilasciano composti, incluse prostaglandine, che contribuiscono significativamente alla formazione delle placche. Sebbene possa sembrare complicato, è importante capire cosa comporta l’arteriosclerosi. Poi potete passare ai modi in cui i trattamenti erboristici e nutrizionali possono aiutare a prevenire e curare la cardiopatia.

Labels: ,

Colesterolo e problemi cardiaci (I)

0 Comments